“Organizzare la conoscenza”: continua la lettura…

Continuo la lettura di “Organizzare la conoscenza“, di cui avevo già iniziato a parlare in un altro post. Più che una vera e propria recensione o una semplice riflessione, mi limito ad annotare alcuni passaggi e a prendere degli appunti che potranno diventare, piano piano, materia per sviluppare altri lavori.

La classificazione a faccette consiste quindi in questo: una volta identificate le faccette tipiche del settore di cui ci stiamo occupando, per ogni documento da classificare verifichiamo se ciascuna faccetta assuma un qualche particolare valore.” (p. 26)

Le categorie fondamentali individuate da Ranganathan sono:

  • Personalità
  • Materia o proprietà
  • Energia
  • Spazio
  • Tempo

L’analisi a faccette, quindi, ci permette di scomporre il contenuto di un documento secondo i diversi aspetti tipici del settore disciplinare in questione: gli oggetti trattati, le loro proprietà, i processi che li coinvolgono, le operazioni che si esercitano su essi, gli agenti di tali operazioni, ecc.” (p.29)

Quello che mi affascina di più della catalogazione a faccette, è la possibilità di descrivere e ordinare gli elementi (di qualsiasi tipo) non necessariamente in funzione di un ordine gerarchico dato, ma semplicemente attraverso l’applicazione di alcune etichette che descrivono un aspetto (facet) dell’elemento, in base al quale possono essere elaborate diverse catalogazioni e, soprattutto, ricerche.

Ma ancora devo capire meglio molte cose…

Annunci

2 pensieri su ““Organizzare la conoscenza”: continua la lettura…

  1. Ciao Massimo,
    ho letto anch’io recentemente questo libro e mi apprestavo a elaborare un sistema personalizzato stile FaceTag (insomma, qualcosa a metà tra faccette e tag) da utilizzare poi per catalogare i post in un blog tecnico (stile knowledge base) che sto avviando.
    Ho trovato questo tuo post e ho pensato di lasciare un commento e un saluto.
    Buon lavoro.

  2. Ciao! Grazie per il commento e per la condivisione della tua esigenza.
    Il libro mi è stato suggerito da un mio amico informatico, ma a me è servito per pensare al modo con cui catalogare degli oggetti un po’ strani come le registrazioni delle storie di vita, iniziando ad ipotizzare un sistema per associarle e trovarle rapidamente….
    Buon lavoro anche a te!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...