Ansia da digitale

Nessuno scompenso, non è roba purpurea. Tranquilli.

Stavo solo riflettendo, mano a mano che il mio archivio di registrazioni si espande e, ogni tanto, posso giocare a ricercarle nelle mie cartelline (folders, via) ordinate, sul fatto che non si tratta di niente di tangibile. Niente che si può toccare. Niente che possa prendere polvere o essere spostato da uno scatolone a uno scaffale, messo al riparo, infilato in un angolo segreto.

Si, in fondo si tratta di qualcosa di materiale. Un microsolco sul disco. Ma niente a che vedere con bobine, cassette, cd. Tutta roba di 0 e 1. Così capisco meglio le conversazioni con quei ricercatori, tassonomici raccoglitori di fonti orali, che scelgono categoricamente il nastro… “Almeno quello, se si rompe, lo puoi aggiustare“. Ma vuoi mettere!?!

Insomma, un pochino di ansia, ogni tanto, se ci penso, mi prende.

Poi penso al salvataggio del RAID, ai dischi messi in mirror e mi sento un po’ più tranquillo.

Ma la possibilità di perdere ogni dato, ogni registrazione, ogni voce che si trova sull’hard disk, pronta ad essere recuperata appena lo desidero, novello evocatore di spiriti, mi turba un po’.

Meglio non pensarci…

In attesa che venga inventato un supporto digitale affidabile quanto la pietra, la creta, la pergamena (magari un po’ di più…) o i nastri…

Annunci

3 pensieri su “Ansia da digitale

  1. A volte ho ansie simili a proposito delle foto. Ho in casa ritagli sbiaditi di scatti dei primi del novecento… e ho dei forti dubbi che fra un secolo i vari supporti su cui archivio la mia roba sia sempre viva. Mi devo decidere a stampare…

  2. Scusate, mi chiamo Paola Matafora e anche io mi occupo di storia orale , Ho comprato lo zoom h4 da pochi giorni e sono in difficoltà perchè lo trovo molto sensibile hai rumori di sottofondo. Come avete risolto il poblema?
    Vi sarei molto grata se mi inviaste un suggerimento.
    Grazie!

  3. Ciao Paola,
    prima di tutto grazie per il tuo commento.
    Per rispondere alla tua domanda, ti consiglio di regolare il “mic gain” sul lato destro sulla sensibilità che ritieni più utile (l/m/h). Magari fai qualche prova in base all’ambiente, distanza dalle persone e al tipo di registrazione che devi fare. Magari puoi anche utilizzare qualche filtro…
    Per quanto mi riguarda, la grande sensibilità dello Zoom H4 è indice della sua grande qualità!
    Ciao
    Massimo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...