La faticosa costruzione della realtà

Nell’epilogo del libro su Beccanoce ho provato a dire la mia sulla faticosa costruzione della realtà.
Che cosa è vero? Cosa reale? Esiste qualcosa di realmente conoscibile fuori di noi o è tutto un problema di punti di vista?
Un tema enorme, sicuramente al di sopra delle mie possibilità e carico di millenni di pensiero e riflessioni.
Eppure non si tratta di una questione di lana caprina: è un problema serio, qualcosa che ha a che fare con la vita di tutti i giorni, nella pratica.
La percezione è sempre reale. Vero.
Ma cosa accade quando non riesco più a capire la distinzione tra le mie percezioni, magari caricate dei miei vissuti o delle mie proiezioni, rispetto a quello che può essere scevro di implicazioni o doppi fini?
Non è banale.
Il passo tra il relativismo e la follia può essere fin troppo breve…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...