Instagrammers

Negli ultimi giorni, anche grazie al possesso del potentissimo Galaxy Note 3 con i suoi 13 megapixel di fotocamera (più di una reflex entry level), mi sono lasciato prendere la mano dalla fotografia tramite la potentissima (e semplicissima) app Instagram.

Così mi sono sperimentato in un’altra forma di narrazione, sicuramente estemporanea e poco meditata ma non meno significativa. Catturare immagini qua e là, mentre sono fermo a un semaforo oppure mentre sto andando in qualche posto.

Un modo per raccontare il territorio, come si evolve e come appare nella vita quotidiana a un passante qualunque, se solo prestasse un briciolo di attenzione invece che stare sempre a guardare il proprio smartphone (!).

Forse il maggior pregio della fotografia (e, forse, quello della fotografia consapevole) è quello di chiederti di scegliere un punto di vista, di fissare un’inquadratura, definire il livello del dettaglio che vuoi raccontare.

In qualche modo, la fotografia – lungi dall’essere il racconto oggettivo della realtà, se mai questo possa essere possibile – è mostrare il proprio punto di vista sul mondo. Quello di quel momento, di quell’istante, di quel periodo dell’esistenza. Ma sicuramente il tuo, compiendo una scelta – tanto difficile quanto importante – su cosa vuoi (o riesci) a vedere e cosa no.

Un po’ come scrivere, in pratica.

Annunci

Un pensiero su “Instagrammers

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...