Impossibile Caravaggio. Ma la Rai può

Leggendo su Google Reader i miei feeds, ho trovato questo interessante articolo:

La mostra impossibile di Caravaggio

Fare una mostra senza gli originali, con riproduzioni realizzate in digitale, ad alta risoluzione e nelle dimensioni reali, con tutti i capolavori prodotti da un artista nell’arco della sua vita. Potrebbe essere una nuova frontiera del fare-mostre e darebbe la possibilità al pubblico di godere dell’intera produzione di un grande maestro in un solo momento, in un solo allestimento (evitando altresì pericolosi spostamenti degli originali). Un sogno che la Rai sta rendendo possibile. Così accade per La mostra impossibile di Caravaggio allestita presso il suggestivo Palazzo Mediceo di Seravezza, preceduta da allestimenti simili in altre città italiane e all’estero.

La mostra impossibile di Caravaggio

Sono 63 i dipinti riprodotti a grandezza naturale, retroilluminati e ad altissima definizione di Michelangelo Merisi; sono visibili, fianco a fianco, opere che normalmente si trovano a chilometri di distanza, in regioni diverse e addirittura in nazioni diverse, perché acquisite nel tempo dai musei di Vienna, Parigi, New York, Londra, Madrid…
È vero che molti dei quadri, avulsi dal loro contesto, perdono di efficacia (ma questo è un discorso che vale anche per la maggior parte degli originali conservati nei musei), così come manca il “fascino” dell’essere al cospetto dell’“opera”.
Di sicuro questo è un modo per far comunicare tecnologia e arte; il rischio è che le tecniche digitali d’avanguardia, entrate in scena per mettersi al servizio delle opere artistiche, finiscano per prevalervi.

Ottavia Sartini

Seravezza // fino all’8 gennaio 2012
La mostra impossibile di Caravaggio
PALAZZO MEDICEO
Via del Palazzo
info@terremedicee.it
www.terremedicee.it

La mostra impossibile di Caravaggio
La mostra impossibile di Caravaggio
La mostra impossibile di Caravaggio
La mostra impossibile di Caravaggio
La mostra impossibile di Caravaggio
La mostra impossibile di Caravaggio
La mostra impossibile di Caravaggio
La mostra impossibile di Caravaggio
La mostra impossibile di Caravaggio
La mostra impossibile di Caravaggio
La mostra impossibile di Caravaggio
La mostra impossibile di Caravaggio

from Artribune http://www.artribune.com/2012/01/impossibile-caravaggio-ma-la-rai-puo/?utm_source=feedburner&utm_medium=feed&utm_campaign=Feed%3A+Artribune+%28Artribune%29

Le mani di Zoff e il tricolore

Leggendo su Google Reader i miei feeds, ho trovato questo interessante articolo:

Autore:

Massimo Raffaeli

C’è un’immagine che traduce in emblema la vittoria italiana ai Mondiali di Spagna, nel luglio del 1982, ed è quella che ritrae su un francobollo le mani del capitano della nazionale, il portiere Dino Zoff, mentre innalzano, tutta d’oro scintillante, la Coppa del Mondo. Il modello è la fotografia che all’indomani di quell’11 luglio apre fatalmente i quotidiani: la firma è di un pittore grande e discusso, senatore comunista nientemeno, Renato Guttuso, il quale si compiace di ignorare il tricolore e lascia viceversa trapelare solamente l’azzurro e il giallo oro. Eppure, per la prima volta, il tricolore sta occupando e persino travestendo le piazze italiane in delirio: la bandiera che pendeva afflosciata dagli uffici pubblici, appannaggio semmai dei neofascisti e della cosiddetta maggioranza silenziosa (gli ultimi sbandieramenti erano stati nel ’54 per Trieste italiana) diviene di senso comune e si presenta addirit…

leggi tutto

from (title unknown) http://www.doppiozero.com/dossier/anniottanta/le-mani-di-zoff-e-il-tricolore?utm_source=feedburner&utm_medium=feed&utm_campaign=Feed%3A+doppiozero00+%28doppiozero%29

Il Lazio punta sul social housing

Leggendo su Google Reader i miei feeds, ho trovato questo interessante articolo:

Il Lazio vuole diventare regione pilota del social housing. Lo ha detto all’Adnkronos Teodoro Buontempo, assessore alla casa della giunta regionale del Lazio: «Noi abbiamo deciso di dare un forte impulso al concetto di ‘alloggio sociale’. L’obiettivo è quello di far diventare il Lazio regione pilota del social housing, per questo la Regione promuove questa tipologia di offerta abitativa con il concorso di enti locali, aziende pubbliche, fondazioni no-profit, imprese sociali, banche etiche, imprese di costruzioni e cooperative di abitazione».

Il nuovo Piano casa regionale infatti prevede la possibilità di destinare dal 30 al 35% delle superfici destinate a cambi di destinazione d’uso, ad edilizia sociale a canone calmierato: «Bisogna cambiare la filosofia di approccio ai problemi dell’emergenza casa – aggiunge Buontempo – bisogna finirla di costruire quei casermoni di bassa qualità, bisogna costruire case gradevoli, in ambienti vivibili promuovendo integrazione tra i diversi ceti sociali. Vivere in un alloggio di qualità, in un contesto vivo ed efficiente aiuta anche a far nascere quei meccanismi individuali di tutela della propria abitazione e del contesto in cui essa si trova, preservando quindi il valore dell’investimento».

I fondi sono stati ripartiti in tre tronconi finalizzati a sviluppare le potenzialita’ dell’housing sociale: 65 milioni di euro sono stati destinati alla costruzione, al recupero, all’acquisto di nuovi alloggi; due milioni di euro sono finalizzati a incentivare l’offerta di alloggi privati in locazione (attraverso l’agevolazione che consente di pagare l’Ici ad appena il 4,9% ai piccoli proprietari, che decideranno di affittare a canone concertato la propria abitazione); 3 milioni – continua Buontempo – sono destinati a sostenere gli interventi di autorecupero da parte di cooperative composte da soci che si impegnano a recuperare alloggi da strutture, anche se precedentemente non destinate ad uso abitativo e per le quali ora e’ possibile variare automaticamente la destinazione d’uso».

«Io spero – dice Buontempo – che entro il prossimo mese si riesca a varare una nuova legge di gestione delle Ater che sono regolamentate da una legge ormai superata dagli eventi, ci sono nuove e diverse emergenze a cui dobbiamo dare risposte piu’ adeguate».

from VITA.it > News http://beta.vita.it/news/view/117143

Al via l’Anno europeo per l’invecchiamento attivo

Leggendo su Google Reader i miei feeds, ho trovato questo interessante articolo:

L’Unione Europea ha proclamato il 2012 Anno europeo dell’invecchiamento attivo e delle solidarietà tra le generazioni. L’anno sarà l’occasione per sostenere gli sforzi degli Stati membri, delle autorità regionali e locali, delle parti sociali e della società civile per promuovere l’invecchiamento attivo e la solidarietà tra le generazioni e sfruttare maggiormente il potenziale delle generazioni del baby-boom.

Obiettivo dell’Anno è la promozione di una cultura dell’invecchiamento attivo che valorizzi l’utile contributo degli anziani alla società e all’economia, favorendo opportune condizioni di lavoro, di partecipazione alla vita sociale e di vita sana ed indipendente. In tale quadro, la solidarietà e la cooperazione tra le generazioni rappresenta un elemento trasversale che sottende le azioni e le attività di sensibilizzazione sul tema.

La dotazione finanziaria per l’attuazione dell’Anno Europeo, a livello dell’Unione, per il periodo dal 1° gennaio 2011 al 31 dicembre 2012, è pari a 5 milioni di euro. L’inaugurazione ufficiale dell’Anno europeo dell’invecchiamento attivo e delle solidarietà tra le generazioni sarà a Copenhagen il prossimo 17/18 gennaio.

La piattaforma europea Age ha già elaborato un Manifesto per “una Unione Europea per tutte le età entro il 2020”, in dicei punti.

from VITA.it > News http://beta.vita.it/news/view/117144

“A Separation”, watching an Iranian movie

Leggendo su Google Reader i miei feeds, ho trovato questo interessante articolo:

A separation, Asghar FarhadiI must confess that I rarely watch movies at the cinema, because I rarely watch movies in general, even if I do not have anything against movies. And to support this statement, I can tell you that I have not anything against books, but, nevertheless, I rarely read books. I could provide many motivations for such idiosyncrasies, ranging from the most straightforward to the most abstruse ones. But since not always more complex means closer to reality, I think that laziness could be fair enough, as a first tentative explanation.

What I tried to state, despite in a rather implicit manner, is that when I decide to watch a movie at the cinema, I have a double approach to it. On one side, since I sit in front of the big screen just a few times per year, I do not have great expectations concerning the movie, regardless of the rumours about it. On the other hand, because of the same reason, I place great hopes in the movie.

leggi tutto

from Sul Romanzo | Feed RSS http://www.sulromanzo.it/blog/a-separation-watching-an-iranian-movie?utm_source=feedburner&utm_medium=feed&utm_campaign=Feed%3A+blogspot%2FCWzM+%28Sul+Romanzo%29

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑