Tagliare i file audio con Audacity

Audacity è un software gratuito disponibile per Windows, Mac OS X e Linux per tagliare i file audio che avete sul PC. Caricando la traccia e praticando un paio di “incisioni”, potrete creare rapidamente una suoneria personalizzata e corta da usare su smartphone oppure la musica di sottofondo a un video per YouTube. Audacity è un programma molto popolare, ma esiste un’alternativa da browser: MP3Cut, che funziona allo stesso modo ma non richiedere alcun software da installare.

Sorgente: Come tagliare i file audio con Audacity su Windows, Mac e Linux | Tecnocino

Zoom H4n per le interviste

ImmagineDa qualche anno utilizzo lo Zoom H4n per la realizzazione delle interviste finalizzate alla raccolta delle storie di vita che confluiscono nell’archivio digitale (online) dell’associazione Il Giardino degli Elefanti.

L’unico vero inconveniente, per chi deve spostarsi e andare a registrare in casa altrui, è quello delle dimensioni dello strumento: grande quanto un galaxy (solo più alto) non passa proprio inosservato quando viene revellianamente posizionato sul tavolo, per dichiarare l’intento di raccogliere una storia di vita (o fonte orale che dir si voglia).

A parte questo, non riesco veramente a trovare alcuna pecca in questo strumento che – considerato l’alto livello qualitativo – si presenta sul mercato con un prezzo piuttosto accessibile (circa 250 €), anche se certamente non economico.

Per il resto vedo (e sperimento) solo aspetti positivi: regolazione del volume in registrazione, riproduzione diretta e tramite cuffie, scheda SD sul lato, due batterie stilo, display retroilluminato, menu navigazione semplice ed intuitivo. Solo per fare un elenco immediato senza pretese di essere completo ed esaustivo.

Insomma, se avete necessità di registrare la voce in alta qualità, non saprei cosa consigliarvi di migliore. Inoltre, per quanto non possa presentare la mia esperienza diretta, è ottimo anche per registrazioni musicali in studio o all’aria aperta, con la possibilità di collegare direttamente lo strumento al registratore e di fare un piccolo montaggio, con la sensazione di portarsi dietro un mixer multitraccia…

Provare per credere!

Al Caffè dei Fornelli si parlerà di streghe

Ho appena finito di ritagliare un paio di interviste, vecchie di tre o quattro anni fa, per metterle su Radio Elephant. Sono tra quelle che ho usato per raccontare la storia di Luigi Volpi, detto Beccanoce.

Se volete, potete andare ad ascoltare il racconto del ritrovamento di una ghirlanda di piume all’interno di un cuscino e il ritrovamento di un mazzettino di gambe di uccellini nel taschino della giacca di un soldato.

Tra l’altro, ho trovato che di queste cose si parla anche in questo libro.

Entrambi gli episodi – secondo i narratori – sono da ricollegare al sortilegio di una strega.

E, nel mio libro e nell’intervento di questo pomeriggio al Caffè dei Fornelli, parlerò di come sia stato coinvolto Beccanoce.

Se passate da Volterra…