I bambini progettano la città

Città sostenibiliIl primo progetto a cui mi sono dedicato, immediatamente dopo l’estate in cui mi sono laureato, è stato quello di affiancare le vincitrici del bando indetto dalla Provincia di Pisa per le “Città amiche dei bambini” (richiamandosi ai principi introdotti dalla Convenzione internazionale sui diritti del fanciullo del 1989, recepita dall’Italia con L. 176/1991, e dalla L. 285/1997) nella realizzazione di un laboratorio di progettazione partecipata. Parallelamente a questo impegno, avevo iniziato i miei contatti con l’Istituto degli Innocenti di Firenze, che aveva curato per conto del Ministero dell’Ambiente il premio nazionale “Le città sostenibili delle bambine e dei bambini“; per la realizzazione del progetto è stato molto utile, infatti, il convegno del 16 ottobre 2003 a Firenze “Quando i bambini trasformano la città. Innovazioni e partecipazione nelle politiche urbane per la città sostenibile“.

Continua a leggere