Dare forma all’esperienza

Soffermandosi e rallentando il modo in cui può nascere un testo, mi viene da pensare a una soffitta ingombra di oggetti, riposti in vari momenti, di vario genere, semplicemente accumulati per averli acquistati, ricevuti in dono o, più casualmente, raccolti da qualche parte.

Mi siedo di fronte a tutti questi oggetti, vedendone alcuni e altri, impolverati, se ne stanno nascosti dietro a un brutto quadro, in un angolo non illuminato, in un baule chiuso.

Continua a leggere