Greetings from Gimigliano

ImmagineTra una cosa e l’altra, faccio fatica ad arrivare in fondo a questo progetto.

Ma non desisto.

Così pubblico un piccolo brano tratto dalle interviste a Maria Mangiacasale…

Sono di origine calabrese. Nasco [il 29 marzo 1956] in un piccolo paese del catanzarese che si chiama Gimigliano. Questo posto è molto legato alla mia vita con gli angeli perché nasco in un paese dove c’è stata l’apparizione della Madonna. Ma non è tanto l’apparizione della Madonna che è caratteristica per me, in questo paese, quanto m’ha sempre affascinato fin da piccola il fatto che, una volta saputo che c’è stata l’apparizione della Madonna, i miei paesani hanno voluto che venisse dipinto un quadro raffigurante questa Madonna; soltanto che, questo brigante, Pietro Gatto, che ha avuto questa visione, non aveva un’immagine precisa; per cui lui aveva indicato, più o meno, come profilo la Madonna di Pompei.

Pinokkio all’Istituto degli Innocenti

Sono passati quasi 10 anni da quando, appena laureato, ebbi la fortuna e la possibilità di lavorare all’Istituto degli Innocenti come collaboratore del Centro Nazionale di Documentazione e Analisi sull’Infanzia e l’Adolescenza. Ricordo il primo colloquio, il treno al mattino per andare a Firenze, la passeggiata da Santa Maria Novella fino a Piazza Santissima Annunziata.

Il colonnato del Brunelleschi, le maioliche del Della Robbia con i putti fasciati, bianchi su quel cielo azzurro. E i bambini, quelli veri, accompagnati da nonni o genitori, salire vocianti le scale dell’Istituto: seicento e più anni di attenzione all’infanzia. Ricordo ancora bene la visita all’archivio, con le monete o le medagliette spezzate lasciate al polso del bambino nella speranza che potesse avere un futuro più dignitoso, in un istituto laico. E poi i colleghi di lavoro: Riccardo, Emanuele, Ilaria, Eleonora e tutti gli altri. Un rapporto che è diventato conoscenza, frequentazione, amicizia.

È proprio grazie ad Emanuele Pellicanò che ho potuto presentare il libro alla Direttrice della Biblioteca, Antonella Schena, che lo ha accolto e promosso.

Grazie a tutti. Grazie di cuore.

Programma del convegno

Lavori prematrimoniali

La settimana prossima mi sposo.

E ci sono ancora parecchie cose da sistemare, una giornata tutta da vivere con amici e parenti e un viaggio in Andalusia da gustare, con la sensazione di qualcosa che arriva e qualcosa che inizia.

Però, al ritorno, ripartirò in giro per presentare i libri.

Torno a Livorno, alla libreria Belforte, il 29 settembre 2011, per parlare di nuovo di Beccanoce, con lui e chi vorrà venire.

A inizio novembre, invece, è in ballo una presentazione all’Istituto degli Innocenti de Le avventure di Pinokkio, per tornare a parlare di protagonismo e partecipazione degli adolescenti.

Ci vediamo con l’anello al dito!

Pinokkio… all’Università!

Grazie a Caterina Benelli, docente all’Università di Firenze ed esperta di tecniche autobiografiche alla Libera Università dell’Autobiografia di Anghiari, il prossimo venerdì 13 maggio, dalle 13 alle 15, mi troverò a raccontare il libro “Le avventure di Pinokkio” agli studenti della Facoltà di Scienze dell’Educazione.

Certo che mi fa un po’ strano: quasi quasi gli compro un bell’abbecedario (magari vendendo la giacca rosso mattone a quadri della foto), un vestitino di carta fiorita e faccio un bel cappellino di mollica di pane.

Basta che non mi prenda quella lunga via traversa che conduce al Teatro di Mangiafuoco!!!

Promuovere Pinokkio

Ieri ho incontrato Barbara Baroni, Ufficio Stampa della Felici Editore.

Abbiamo buttato giù alcune possibili presentazioni da lanciare entro l’estate: Pontedera, Pisa, Lucca e Firenze. A breve ci dovrebbe essere anche un appuntamento a Torino, in collaborazione con Edizioni Gruppo Abele e Animazione Sociale, grazie a Gianni D’Elia.

Mi piace l’idea di portare il libro in giro, di far conoscere l’esperienza del CSA Pinokkio al di là dei confini del Comune di Lari e della Valdera.

Potrebbe veramente, come diceva don Armando alla presentazione, diventare un modo per riempire l’Italia di Pinokki

Beccanoce alla Libreria Brac di Firenze

La serie di presentazioni che, da quasi un anno. mi ha portato in giro per la Toscana (e oltre, come nel caso di Bonassola), sta giungendo al termine.

Infatti, dopo Casciana Terme (PI), Ponsacco (PI), Livorno, Pisa (per due volte), Bonassola e San Vincenzo (LI), porterò il libro anche nel capoluogo regionale, all’interno di una bella libreria fiorentina.

La presentazione, infatti, si svologerà presso la Libreria Brac di Firenze, sabato 10 aprile 2010 alle ore 17.30.

Spero che questa occasione (forse l’ultima, visto che da Peccioli ancora non ci sono notizie sicure) possa portare ancora persone a conoscere la storia di Luigi Volpi da Peccioli detto Beccanoce, l’uomo dalle mani che guariscono.

Claudio Spadi

... e intanto le nuvole se la ridono
... e intanto le nuvole se la ridono

Girando per Firenze, ho trovato un interessante cantante e cantautore di strada.

Un certo Claudio Spadi, con tanto di blog e dischi in uscita, che si diletta ad intrattenere i turisti e tutti i passanti su Ponte Vecchio.

Oltre alle cover molto belle ha anche dei pezzi che ha scritto lui…

Veramente interessante.

Dipingere la luce

Non ho le capacità né le competenze per parlare di arte, per parlare di quadri e ripercorrere la strada fatta da un movimento pittorico per affermarsi, attraverso tecniche e teorie. Ma mi piacciono gli impressionisti, da sempre.

Vincent van Gogh - Ponte di Clichy

Così sono andato a vedere la mostra a Palazzo Strozzi “IMPRESSIONISMO – Dipingere la luce dove sono raccolti alcuni quadri del periodo impressionista e neoimpressionista, dedicando una particolare attenzione alle tecniche utilizzate e all’analisi delle opere attraverso strumenti tecnologici. In molti casi, infatti, si è cercato di ricostruire il processo di realizzazione del dipinto, andando a vedere quanto avesse inciso la realizzazione en plein air e, inoltre, smascherando il metodo utilizzato da alcuni famosi impressionisti. Per tutte le informazioni sui quadri e sul percorso suggerito, è possibile consultare il sito di Palazzo Strozzi, quello ufficiale della mostra, dare una sbirciata alla rassegna stampa, oppure consultare un blog che ne parla ampiamente.

Continua a leggere “Dipingere la luce”

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑