Chromebook

imagePer poco più di 200 $ ho acquistato il Chromebook negli States, con qualche problemino per la consegna e una cinquantina di euro per spedizione e tasse.

Non so se ho fatto un vero affare (alla fine il risparmio è veramente poca cosa) ma sono soddisfatto dell’acquisto.

Lo sto utilizzando solo da poche ore e mi sembra che faccia egregiamente tutto quello che prometteva: leggero, piccolo (ma non microscopico), veloce all’avvio e dotato di tutte le applicazioni di Mountain View.

Adesso aspetto di collaudarlo in mobilità, per vedere come funziona in giro, quanto riesce a prendere le wifi pubbliche e soprattutto quanto dura la batteria.

Intanto mi godo i 100 Gb regalati per Google Drive: anche se sono solo per due anni, intanto sono una bella comodità.

Unico inconveniente: la tastiera (minimale e senza tasti funzione, sostituiti dai comandi per luminosità, audio e navigazione) con i tasti USA.

Per il momento sono contento di questo nuovo netbook…

Postare in automatico? No, grazie.

Grazie alla scoperta di un poderoso servizio di collegamento tra diversi social networks [if this then that ], ho sperimentato la possibilità (grazie a una ricettina) di pubblicare in automatico le notizie lette su Google Reader (contrassegnate con la stella) sul blog.
Veramente ganzo.
Tuttavia penso che non sia la stessa cosa che postare i link sulla bacheca di facebook, magari aggiungendoci due righe di commento.
Così ho deciso di disattivarla e tornare a digitare l’intero pezzo con le mie sante manine…

Uno strumento eccezionale: GoogleDocsBar!

Invito chiunque non l’abbia già fatto a registrare un account su Gmail e iniziare ad utilizzare le molte funzioni che Google mette a disposizione: gruppi, blocco note, documenti, calendario, libri… Sono diventate così tante che qualcuno ha coniato perfino il termine “googlista” per parlare di quelli che utilizzano gli strumenti nati dal più famoso motore di ricerca del mondo.

Ma, a parte la piccola parentesi pubblicitaria non necessaria, volevo spendere due parole per suggerire di cambiare alcune abitudini e iniziare ad utilizzare i documenti attraverso Google Documents, abbianando questo strumento alla fantastica Google Docs Bar, recentemente perfezionata.

In questo modo, potendo contare su una connessione ADSL flat, si ha la possibilità di avere tutti i propri documenti sempre sulla barra del browser, potendoli condividere o averli a disposizioni in qualsiasi luogo del mondo, a patto di avere un PC connesso a Internet!

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑