Angeli veri o angeli bannatori?

Sto continuando a leggere la storia del sensitivo “saccenseCraig Warwick. Tra l’altro usando il formato ebook, sia su Android che su pc.

Sono grosso modo a metà del libro dove, con una prosa molto asciutta e fruibile da chiunque, la Balivo racconta – impersonando il nostro amico londinese dall’infanzia difficile – dei colloqui angelici che creano problemi in famiglia e a scuola.

Craig, poi, scopre di essere omosessuale, vive una relazione violenta con un uomo più grande di lui e finisce in un progetto della CIA a New York, sfruttando le sue capacità di sensitivo al servizio del governo americano. Infine riesce a fuggire e torna a Londra, dove riprende la vita di un qualunque giovane. Tornando a parlare con gli angeli.

Sono arrivato qui.

Il libro si fa interessante, soprattutto perché parla della storia di una vita che potrebbe anche apparire autentica. Pur rimanendo qualche dubbio perché non dà riferimenti né riscontri: si limita a raccontare, come un romanzo.

Mi dispiace che qualcuno abbia deciso di boicottare il mio post, quasi a censurare – come la buona vecchia Inquisizione insegnava – qualsiasi voce dissonante.

In ogni modo, per chi domani pomeriggio fosse a casa, la Balivo e Mr. Warwick lanceranno a tutta Italia il loro libro nella trasmissione Domenica 5.

Sono proprio curioso di sentire cosa diranno e – temo – non mancherà la “prova pratica”…

Ron non l’avrebbe detto

Mentre lavoro alla trascrizione della storia che mi ha raccontato Maria Mangiacasale, mi imbatto in una curiosa iniziativa editoriale.

La “giornalista” Caterina Balivo si è lanciata in un’impresa, scrivendo un libro a quattro mani con il sedicente sensitivo, nonché conversatore con gli angeli, Craig Warwick: londinese di nascita, siciliano di adozione, ha costruito la sua fama tramite le comparsate nei salotti televisivi Rai.

La Balivo – ben introdotta nel settore – gli ha procurato un contratto editoriale con la Rizzoli e, a breve, uscirà il suo libro che scimmiotta una nota canzone: Tutti quanti abbiamo un angelo.

Insomma, leggendo l’inizio di questo libro il protagonista (piuttosto narcisista, come si può vedere anche nella copertina) parla delle prime manifestazioni angeliche: Billy, un ragazzino della sue età, che gli appare a mezzo busto investito da un fascio di luce, che si arrabbia e fa i dispetti.

Ora, al di là del fatto che si può dire veramente tutto, di cosa ci sta parlando questo signore? Quali sono i suoi scopi? Insomma, la sensazione che si tratti della più bassa robetta new age ammantata di serietà dall’alone televisivo, è abbastanza chiaro.

Comunque, per chi volesse approfondire la conoscenza di Mr. Warwick si trovano anche video interessanti…

La giusta chiusura di questa triste vicenda è che la Balivo chiede agli angeli se andare o meno sull’Isola dei Famosi. Ma di cosa stiamo parlando???