Pinokkio… all’Università!

Grazie a Caterina Benelli, docente all’Università di Firenze ed esperta di tecniche autobiografiche alla Libera Università dell’Autobiografia di Anghiari, il prossimo venerdì 13 maggio, dalle 13 alle 15, mi troverò a raccontare il libro “Le avventure di Pinokkio” agli studenti della Facoltà di Scienze dell’Educazione.

Certo che mi fa un po’ strano: quasi quasi gli compro un bell’abbecedario (magari vendendo la giacca rosso mattone a quadri della foto), un vestitino di carta fiorita e faccio un bel cappellino di mollica di pane.

Basta che non mi prenda quella lunga via traversa che conduce al Teatro di Mangiafuoco!!!

Corso di perfezionamento su fonti orali e audiovisive

Il 20 aprile 2009 scadono le iscrizioni al Corso di perfezionamento organizzato dall’Università di Parma su “Fonti orali e audiovisive per la ricerca storica e sociale“: si tratta di un Corso di perfezionamento da poco approvato, unico post-lauream nelle Università specificamente dedicato al tema.
Obiettivo del Corso è quello di fornire le competenze non solo per gli usi tradizionali della ricerca storica, antropologica e sociologica con le fonti orali, ma anche quelle per gli impieghi nelle attività didattiche, nei servizi sociali, nelle mediazioni interculturali, nelle attività sanitarie, nella ricerca territoriale e ambientale, nella comunicazione interna di amministrazioni, imprese, organizzazioni.
La direzione del corso (assicurata dai proff. Alessandro Bosi e Antonio Parisella) ha sede presso il Dipartimento di studi politici e sociali. Esso è realizzato in fattiva collaborazione con il Centro studi per la stagione dei movimenti di Parma e con l’Istituto nazionale di sociologia rurale (INSOR). Sono stati invitati a partecipare l’Istituto centrale per i beni sonori e audiovisivi di Roma, l’Associazione italiana di storia orale (AISO) e il Laboratorio della memoria di Isola Dovarese (Cr).
Possono accedervi come perfezionandi coloro i quali siano in possesso di diplomi universitari e lauree di durata triennale o superiore del vecchio o del nuovo ordinamento universitario, nonché coloro i quali siano in possesso di diplomi triennali di Accademie, Conservatori e istituti assimilati. Possono inoltre accedere coloro i quali siano in possesso di qualsiasi altro titolo di livello universitario riconosciuto previsto da ordinamenti di altri paesi, europei e non. In difetto di titolo di studio universitario, potrà essere ammesso in qualità di uditore chi è in possesso di un titolo di scuola media superiore o di un’esperienza lavorativa ritenuta equipollente dai coordinatori.
Maggiori informazioni sul sito dell’Università

Riordinare il disordine

Oggi si è concluso il percorso di tre lezioni su “Dare ordine al disordine“, tenuto da me e dal Professor Nannetti all’Università della Terza Età di Pontedera.

Come preannunciato, il primo incontro ha avuto per oggetto le fonti orali: il modo con cui si costruisce un documento sonoro nella relazione tra narratore e ascoltatore; il secondo la retorica e la narratività musicale: alcuni esempi degli artifici retorici utilizzati, ad esempio nei madrigali, per sottolineare alcuni significati del testo; nel terzo incontro, quello conclusivo, siamo andati “alla ricerca di un sincretismo tra musica e parole“.

Continua a leggere

Corso all’UTE

Tra poco arriverà il momento di dare il via, insieme al Professor Nannetti, al corso da noi tenuto all’Università della Terza Età di Pontedera, dal titolo “Dare ordine al disordine“.

Come già detto su questo blog, il corso si articolerà in tre incontri in cui cercheremo di chiudere una riflessione iniziata lo scorso anno e interrotta per mancanza di tempo: qual’è il passaggio che conduce un essere umano da un’esperienza di vita, attraverso la conseguente riflessione ed interiorizzazione verso la creazione di un’opera d’arte?

Durante i tre incontri, previsti per il 4, l’11 e il 18 febbraio 2009, cercheremo di concentrarci sull’ultima fase di questo percorso, riguardante peculiarmente l’atto creaativo, cercando di indagare parallelamente la narrazione (orale e scritta) e la composizione musicale. L’incontro conclusivo, infatti, andrà alla ricerca di un sincretismo tra musica e parole.

Se capitate da queste parti in quei giorni, non mancate! Cercheremo di capire qualcosa di più, insieme…

Vent’anni di vita

L’Università della Terza Età di Pontedera, con sede in Via Stazione Vecchia n° 12, ha compiuto i suoi primi vent’anni di vita nel 2007.

Per celebrare l’importante anniversario ha deciso di realizzare una pubblicazione che, come quella per i primi dieci anni, raccontasse la storia di questo percorso e servisse da promozione per le numerose attività che vengono svolte ogni settimana.

Continua a leggere

Un viaggio molto personale all’interno di una storia collettiva

Pubblico la segnalazione di questo interessante incontro, nell’ambito del Seminario “Archivi della memoria. Metodologia di ricerca e fonti orali” a Firenze, per venerdì 4 aprile 2008 alle 16, presso Palazzo Fenzi, Dipartimento di Studi storici e geografici, aula 23, via San Gallo,10

Nel corso dell’incontro verrà presentato il Videodocumentario di Daria Frezza e Clemente Bicocchi, introdotto da Adriana Dadà (Università di Firenze) e commentato da Giovanni Contini.
Continua a leggere

Fare storia con la tecnologia

Approfondendo i conduttori della puntata di Terzo Pianeta su “Magia e superstizione“, ho trovato Enrica Salvatori che ha un interessante sito web ospitato sul server dell’Università di Pisa.

In questo modo sono venuto a conoscenza di un altro sito da lei curato in cui si prefigge di trasformare la storia (perfino quella medievale, di cui si occupa) in un podcast! Si tratta del sito History Cast in cui possono essere sfogliati ed ascoltati numerosi articoli ed interventi su temi storici. Vale la pena di ascoltare la spiegazione e la dichiarazione del progetto che la stessa autrice fa tramite uno dei podcast presenti sul sito.

Sicuramente si tratta di un modo affascinante di fare storia, sfruttando a pieno le potenzialità delle nuove tecnologie e dimostrando che, anche all’interno delle Università italiane, ci sono persone aperte e capaci di accogliere il rinnovamento dei tempi, anche quando si tratta di storia antica o medievale!!